Home » Ricette » Pastasciutte » Tortelloni di Ricotta e Carciofi alla Bottarga, di Martina

Tortelloni di Ricotta e Carciofi alla Bottarga, di Martina


Ingredienti

Mi hanno detto che lo Chef di TER vuole creare un ricettario dei piatti che fanno parte della tradizione emiliano-romagnola un po’ diverso dai soliti. Ha pensato di dare importanza alle ricette che ognuno di noi prepara nelle proprie cucine, ricette che ci sono state tramandate da persone care o che abbiamo sperimentato di persona. Ed io proprio non ho saputo resistere. Ci ho pensato un poco e ho deciso di partecipare, preparando la mia variante dei tortelloni. In questa versione, ho mescolato gli ingredienti della cucina emiliana (la terra che mi ha adottata) a quelli della cucina sarda (la mia terra d’origine). Dopo aver fatto una bella lista della spesa, mi sono recata al Mercato della Terra, quello che fanno il sabato mattina nel cortile del Cinema Lumière a Bologna, dalle ore 9 alle 14. In questo mercato si trovano tutti i prodotti a Km 0, l’ideale per la mia ricetta. Tornata a casa, ho messo gli ingredienti sul tavolo e ho iniziato a preparare i tortelloni di ricotta e carciofi, spolverati con la bottarga di muggine. Ecco la ricetta che ho preparato per 4 persone: La Sfoglia: 3 uova, 300 gr di farina 00 (un uovo per 100 g di farina), un pizzico di sale. Il Ripieno: 150 gr di ricotta di pecora, 150 gr di ricotta vaccina, 100 gr di carciofi, 40 gr di parmigiano grattugiato, sale quanto basta, noce moscata. Il Condimento: olio extra vergine d’oliva, due o tre spicchi d’aglio (dipende dalla dimensione), bottarga di muggine (che è un po’ amarognola e più salata rispetto a quella di tonno), ideale per creare contrasto col ripieno.

Esecuzione

Setacciate la farina su un tagliere di legno, create una fontana, aggiungete le uova al centro. Con un movimento circolare incorporate lentamente la farina dal bordo verso il centro, cercando di evitare che le uova fuoriescano dal buco. Una volta che avete ottenuto un impasto denso, iniziate a lavorarlo con le mani dall’esterno verso l’interno, in modo da creare una pallina. Ripiegatela e giratela, finché non vedete che la pallina di pasta diventa liscia e tonda. A questo punto, mettetela dentro una bustina da freezer e lasciatela riposare per circa 40 minuti.
Nel frattempo, preparate il ripieno: in una terrina amalgamate le ricotte, il parmigiano e i carciofi (precedentemente lessati e sminuzzati col mixer), condite con sale e noce moscata.

Posizionate la pallina di pasta sul tagliere e stendetela un po’ con le mani, dopo impugnate un mattarello e spianatela uniformemente su tutti i lati. Se vedete che l’impasto si appiccica spolveratelo con la farina, ma poca, altrimenti rischiate di seccare la pasta. La sfoglia è stesa, dunque pronta, quando sollevandola col mattarello ci potete leggere attraverso.
A questo punto, tagliate la pasta in quadrati di 6/7 cm e su ogni quadrato mettete un po’ di ripieno. Chiudeteli a triangolo, rigirate le estremità e piegatele fino ad ottenere i tortelloni.
Mettete dell’acqua in un pentola; quando l’acqua bolle, aggiungete il sale e poco dopo versate i tortelloni. Due minuti prima di togliere i tortelloni dalla pentola, in una padella fate scaldare dell’olio extra vergine d’oliva; aggiungete due spicchi d’aglio e fatelo rosolare. Togliete la padella dal fuoco, aggiungete la bottarga grattugiata, mescolate con un cucchiaio di legno. Prelevate i tortelloni cotti con un cucchiaio bucherellato e uniteli al composto della padella, riaccendete il fuoco per 1 minuto mentre amalgamate il tutto.


Prodotti DOP e IGP correlati

Parmigiano Reggiano

2 Responses to Tortelloni di Ricotta e Carciofi alla Bottarga, di Martina

  1. Giamba 21 dicembre 2012 at 13:26 #

    Complimenti per la ricetta…
    consiglio però la bottarga di tonno.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Travel Emilia Romagna, m’invita a diventare Chef di TER per un giorno « Due Torri e Nuraghi - 22 dicembre 2012

    [...] Se siete curiosi di leggere come ho fatto a preparare i tortelloni di ricotta e carciofi alla bottarga e volete scaricare la ricetta, cliccate qui! [...]

Lascia un Commento