Home » Ricette » Pastasciutte » Farro con pomodorini caramellati, pesto di erbe verdi e Parmigiano Reggiano stagionato, di Maga Frittatina

Farro con pomodorini caramellati, pesto di erbe verdi e Parmigiano Reggiano stagionato, di Maga Frittatina


Ingredienti

Vediamo cosa vi serve: il farro (perlato o decorticato). Per la quantità regolatevi sul numero delle persone, considerando circa 80/100 grammi a testa. Pomodorini maturi: bene i ciliegini, ma ottimi anche i datterini o i piccadilly. Brodo vegetale per la cottura del farro. Veniamo al pesto: vi servono la menta, l'erba cipollina, l'aglio fresco, le noci e tanto olio. Sulla quantità: ovviamente dipende dalla quantità di farro, ma considerate che sarà il pesto a dare a tutto il sapore principale, quindi non siate avari. Vi serviranno anche Parmigiano Reggiano stagionato, sale, pepe, zucchero e olio evo.

Esecuzione

Questa ricetta profuma davvero di bella stagione. Per prima cosa preparate i pomodorini: prendete una teglia, mettete un foglio di carta da forno e adagiatevi sopra i pomodorini tagliati a metà. A questo punto prendete lo zucchero e spargetelo sui pomodori, anche in questo caso non siate avari ma neppure esagerati, quindi mettete tutto in forno a bassa temperatura, e questo significa 120/130 gradi. Fateli appassire almeno per un’ora, finché non sono, appunto, caramellati. Nel frattempo avrete portato a ebollizione una pentola di brodo vegetale (se proprio non l’avete va bene anche l’acqua), in cui far cuocere il nostro farro. Ma quale farro? Perlato o decorticato? Se volete proprio essere bravi usate quello decorticato, richiede di essere messo in bagno, ma è più saporito e più sano. Quando è cotto lo scolate, ci vorranno dai 20 ai 30 minuti, ma è meglio assaggiarlo per essere tranquilli, lo stendete a raffreddare bene e aggiungete l’olio extravergine. Io non lo lavo, mi sembra una cosa priva di logica cuocerlo nel brodo e poi lavarlo, tanto non serve. Si raffredda naturalmente mentre è steso. Veniamo al pesto: l’ideale sarebbe l’utilizzo del mortaio, ma va bene anche un tritatutto o un robottino. Nel pesto ci mettiamo la menta, l’erba cipollina, l’aglio fresco, le noci e l’olio.
A questo punto non vi resta che unire i pomodorini e il pesto al farro, quindi grattugiare grossolanamente il Parmigiano Reggiano. Se prima di mangiarlo fa un passaggio in frigo è meglio, ricordatevi però di mescolarlo prima di servirlo, così come si deve fare anche per una qualsiasi insalata di riso.


Prodotti DOP e IGP correlati

Parmigiano Reggiano

No comments yet.

Lascia un Commento